Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

CLAUDIA GIOTTOLI

venerdì 22 Febbraio | ore 20.30

AdM Drama

Short Message Sounds

CLAUDIA GIOTTOLI, flauti

 

Considerata la capienza del Drama Teatro (70 posti), l’ingresso come sempre è libero, ma è raccomandata la prenotazione scrivendo all’indirizzo info@amicidellamusicamodena.it o chiamando il numero 3296336877.
Chi non ha prenotato potrà assistere al concerto solo se rimarranno posti liberi.

Musiche di Debussy, Kurtág, Sciarrino, Momi, Saariaho, Cifariello Ciardi, Maresz, Casale, Hurel

 

Brevi messaggi dalla contemporaneità consegnati da uno degli strumenti più antichi, il flauto.
La forma breve, espressione che ben rappresenta la comunicazione attuale, permette di proporre un’ampia panoramica di approcci e di mondi sonori esposti negli ultimi 30 anni, inclusa l’interazione con l’elettronica. Alcuni aforismi musicali di Kurtág punteggiano il fluire del percorso musicale. La relazione tra opera ed elementi extramusicali è un altro tema in gioco, che sarà affrontato anche nei sipari di conversazione con il Direttore Artistico Claudio Rastelli.

C. Debussy (1862-1918)

La flûte de Pan (Syrinx) (1913), Musique de scène per la pièce Psyché di G. Mourey

G. Kurtág (1926*)

Signs, Games and Messages:
Hommage a J. S. Bach (1976)

S. Sciarrino (1947*)

Morgana (1983)

G. Kurtág

Signs, Games and Messages:
Bref message à Pierre Boulez (2005)
Doloroso (1992)

M. Momi (1978*)

Almost vanishing for E.P. (2011)
con due poesie di Mario Benedetti

G. Kurtág

Signs, Games and Messages:
…après una lecture de Rimbaud… (2001)

K. Saariaho (1952*)

Dolce tormento (2004) per ottavino – su un sonetto di Petrarca

F. Cifariello Ciardi (1960*)

Tony Blair_07_07_2005 (2010) per flauto e video – da Piccoli Studi sul Potere

Y. Maresz (1966*)

Circumambulation (1993 – rev. 2014) per flauto amplificato

E. Casale (1974*)

Studio 2b (2000) per flauto contralto ed elettronica

G. Kurtág

Signs, Games and Messages:
Auf ! Schwung ! – jauchzet et frohlocket ! (1994)

P. Hurel (1955*)

Loops I (1999)

Claudia Giottoli porta in scena un’espressività raffinata attraverso un suono personalissimo, trasparente, capace d’infiniti colori senza perdere la propria eleganza, sostenuto da un ferreo dominio tecnico.

Così la rivista “Musica” commenta un suo lavoro discografico per Stradivarius sul repertorio originale per flauto e pianoforte del ‘900 spagnolo. Le collaborazioni che intesse sin dagli esordi sono non di rado con artisti impegnati sulla scena della musica del ‘900 e contemporanea, come Ciro Scarponi, i Solisti della New York University, The fires of London, l’Ensemble Musicanovecento, Hyperprism/Percussioni, Antonio Ballista, Alide Maria Salvetta. Tra i suoi insegnanti flautisti quali Carlo Morena, Conrad Klemm, Alain Marion. Premiata in vari concorsi di musica da camera, si esibisce in festival musicali italiani ed europei, prendendo parte a prime esecuzioni di lavori cameristici di importanti compositori italiani. Si dedica anche al repertorio per flauto ed elettronica (eseguendo brani di Lucier, Risset, Saariaho, Casale, Jodlowski ed altri). Realizza per “Brilliant Classics” la prima registrazione dell’opera integrale per flauto di Giacinto Scelsi, che ottiene l’attenzione del Guardian e della stampa internazionale di settore (Gramophone, Classic Voice, Amadeus, Musica, Ritmo, Fluit, Pan, Tempo Flute, Falaut, ecc.). Partecipa all’incisione della musica da camera di Ravel e di Jolivet per “Brilliant Classics” e di vari compositori contemporanei per “Edipan”, “Ricordi” e “Hyperprism”. L’interesse per la musica italiana la porta anche ad impegnarsi nella riscoperta della musica strumentale per fiati dell’Ottocento italiano, repertorio di cui cura l’incisione per “Quadrivium”. Come primo flauto delle Orchestre “Symphonia Perusina” e “I Solisti di Perugia” registra per “Bongiovanni” e “Camerata Tokyo”; suona in orchestra a fianco di Wolfgang Schulz. Ha al suo attivo inoltre collaborazioni con varie orchestre italiane, tra cui l’Orchestra da Camera di Mantova. Pubblica articoli sul repertorio flautistico del ‘900 sulla rivista dei flautisti italiani Falaut. Docente di flauto al Conservatorio di musica di Perugia, è stata invitata a tenere master class sul repertorio italiano per flauto a Dublino (Royal Irish Academy of Music) e a Salisburgo (Mozarteum).

Dettagli

Data:
venerdì 22 Febbraio
Ora:
20.30
Categoria Evento:

Luogo

Drama Teatro
viale Buon Pastore 57
Modena, MO 41125 Italia
+ Google Maps